Tubercolosi: nel 2017 ha causato 1,6 mln di morti

tubercolosi

Dal 2000 decessi in calo del 44% ma è ancora lontano l’obiettivo 2030 di eradicarla. Ma mancano le risorse

Un minor numero di persone si ammalata ed è morta a causa della di tubercolosi (TBC) l’anno scorso, ma i paesi non stanno ancora facendo abbastanza per porre fine alla TBC entro il 2030. Sebbene gli sforzi globali abbiano evitato la morte di circa 54 milioni di TBC dal 2000, la tubercolosi rimane la malattia infettiva più mortale del mondo.

Il Global TBC Report del 2018

È questo l’avvertimento lanciato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che ha pubblicato a settembre il Global TBC Report del 2018, in cui si richiede una mobilitazione senza precedenti di impegni nazionali e internazionali. Il report esorta i leader politici a riunirsi la prossima settimana per la prima riunione di alto livello delle Nazioni Unite sulla tubercolosi e ad adottare un’azione decisiva, basandosi sulle recenti mosse dei leader dell’India, della Federazione russa, del Ruanda e del Sudafrica. Quasi 50 capi di Stato e di governo dovrebbero partecipare alla riunione. “Non abbiamo mai visto un’attenzione politica di alto livello e la comprensione di ciò che il mondo deve fare per porre fine alla tubercolosi e alla tubercolosi resistente alla droga”, ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “Dobbiamo capitalizzare su questo nuovo slancio e agire insieme per porre fine a questa terribile malattia”. Per raggiungere l’obiettivo globale di porre fine alla TBC entro il 2030, i paesi devono accelerare urgentemente la loro risposta, anche aumentando i finanziamenti nazionali e internazionali per combattere la malattia. La relazione dell’OMS fornisce una panoramica dello stato dell’epidemia e le sfide e le opportunità che i paesi affrontano nel rispondere ad essa.

Status dell’epidemia di tubercolosi

Nel complesso, i decessi per tubercolosi sono diminuiti nell’ultimo anno. Nel 2017, ci sono stati 1,6 milioni di morti (tra cui 300 000 persone sieropositive). Dal 2000, una riduzione del 44% dei decessi per tubercolosi si è verificata tra le persone con HIV rispetto a una diminuzione del 29% tra le persone sieropositive. Globalmente, nel 2017 circa 10 milioni di persone hanno sviluppato la tubercolosi. Il numero di nuovi casi diminuisce del 2% all’anno, anche se si sono verificate riduzioni più rapide in Europa (5% all’anno) e in Africa (4% all’anno) tra il 2013 e il 2017. Alcuni paesi si stanno muovendo più velocemente di altri – come evidenziato nell’Africa meridionale, con diminuzioni annuali (in nuovi casi) del 4% -8% in paesi come Lesotho, Eswatini, Namibia, Sudafrica, Zambia e Zimbabwe, grazie a una migliore TBC e prevenzione e cura dell’HIV. Nella Federazione Russa, l’impegno politico ad alto livello e gli intensi sforzi della TB hanno portato a un calo più rapido dei casi (5% all’anno) e dei decessi (13% all’anno) La TBC resistente ai farmaci rimane una crisi mondiale della salute pubblica: nel 2017, si stima che 558 000 persone abbiano sviluppato una malattia resistente almeno alla rifampicina, il farmaco TBC di prima linea più efficace. La stragrande maggioranza di queste persone aveva una TBC multiresistente (MDR-TBC), cioè una resistenza combinata alla rifampicina e all’isoniazide (un’altra medicina fondamentale per la tubercolosi di prima linea). L’OMS stima che un quarto della popolazione mondiale ha un’infezione da tubercolosi.

La risposta alla tubercolosi: sfide e opportunità

      Accesso all’assistenza e alla prevenzione: La sottostima e la sottodiagnosi dei casi di tubercolosi rappresentano una sfida importante. Dei 10 milioni di persone che si sono ammalate di tubercolosi nel 2017, solo 6,4 milioni sono state ufficialmente registrate dai sistemi nazionali di segnalazione, lasciando 3,6 milioni di persone non diagnosticate, o rilevate ma non segnalate. Dieci paesi hanno rappresentato l’80% di questo divario, con India, Indonesia e Nigeria in cima alla lista. Meno del 50% di un milione di bambini con TBC stimati sono stati segnalati nel 2017, il che rende un gap molto più alto nel rilevamento rispetto a quello negli adulti. RAPPORTO GLOBAL TBC REPORT 2018
Fonte: Quotidiano Sanità

Dunque, dove eravamo rimasti?

Dunque, dove eravamo rimasti? Cari amici di BlogSalute,eccoci di ritorno dopo una pausa prolungata. E’ bastato davvero un battito di ciglia e due mesi sono volati così come niente. Due mesi, quelli che ci siamo lasciati alle spalle che – seppur all’apparenza anonimi – ci hanno dato un contributo importantissimo. Parlando, ovviamente, in termini quantitativi…Perché…

Varie

Lo stress fa male alla salute?

Lo stress fa male alla salute? Una delle caratteristiche principali del vivere la vita alla maniera occidentale è senza dubbio lo stress. Che sia dovuto agli impegni familiari, a problematiche personali o – come molto spesso accade – alla propria sfera lavorativa, lo stress può essere nocivo per il nostro benessere psicologico e fisico. NON…

Salute

Sport e terza età: perché è indispensabile

Partiamo dal presupposto che fare attività fisica sia veramente fondamentale a tutte le età. Praticare movimento o dell’attività fisica in maniera regolare ci aiuta a mantenere in forma sia il fisico che la mente. D’altronde, i romani già duemila anni fa si dimostravano al passo coi tempi moderni: conosciamo tutti il detto “mens sana in…

Salute

La medicina che passa dallo spazio

“L’amor che move ‘l sole e l’altre stelle”. L’amore per la scienza, la scoperta, la ricerca di un futuro migliore. In queste giornate in cui tutti noi restiamo estasiati dalle bellissime immagini immortalate dal nuovissimo telescopio James Webb ho pensato di raccontarvi quanto fosse importante – soprattutto per la medicina – l’esplorazione spaziale, e come…

Medicina

Lotta ai tumori. Parola d'ordine: prevenzione

Lotta ai tumori. Parola d’ordine: prevenzione. I tumori sono definiti “il male del secolo”. Ne sentiamo spesso parlare, assieme al fatto che è importantissimo fare prevenzione. Ma come si fa, veramente, prevenzione?  Ne ho parlato con il Dott. Gianluca Vanni, Ricercatore presso l’Università di Roma Tor Vergata, chirurgo senologo. Spieghiamo a chi ci legge, innanzitutto,…

Medicina

copyright ©  Ipazia Service

Via Maremmana, 1  Fraz. Acquaviva  00017 Nerola (RM) ITALY  P.IVA 13331391006

choose language